Messaggio più recente

Tutta la mia solidarietà

franco_coppi_avv_ft

L’avvocato Coppi: “Sabrina Misseri è l’angoscia della mia vita”

Sabrina Misseri è l’angoscia della mia vita. La notte mi capita ancora di pensare a questa sciagurata e a sua madre”. Sono le parole dell’avvocato Franco Coppi, difensore di Sabrina Misseri e della madre Cosima in carcere con una condanna all’ergastolo per l’omicidio di Sarah Scazzi, in un’intervista al ‘Foglio’.

“Ho la certezza assoluta della loro innocenza – dice Coppi – sarei pronto a giocarmi qualunque cosa. Non essere riuscito a dimostrarlo ha rovinato la mia vita di avvocato. Noi difensori non possiamo pretendere di vincere tutti i processi, non deteniamo il monopolio della verità e certe vicende si prestano a molteplici letture, d’accordo, ma nel caso di Sabrina Misseri no. Le prove della sua innocenza e della colpevolezza del padre reo confesso erano talmente schiaccianti che non riesco a capacitarmi di questo fallimento, il ricorso per Cassazione mi ha procurato una delusione insanabile. Questa ragazza sta in carcere da dieci anni: per me è un tormento”.

La Corte di Strasburgo, da voi adita, ha giudicato il caso ammissibile. “Attendiamo di conoscere l’esito, i tempi non sono brevi. Poi non ci resterà che sperare nella revisione del processo”.

 

AUGURIAMOCI PER UNA VITTORIA DELLA GIUSTIZIA, CHE TUTTO VADA BENE.

Come l’ uomo, la donna.

è

Calcio femminile, rivoluzionario Ajax: parità contrattuale per uomini e donne

Il club olandese ha firmato un accordo per equiparare i contratti dei propri tesserati: stessi diritti per uomini e donne

L’Ajax è il club delle rivoluzioni, ma ora il rinnovamento sarà sui contratti dei suoi tesserati. Il club olandese, infatti, nelle vesti di Edwin Van Der Sar, direttore generale, insieme a Ko Andriessen, direttore del sindacato ProProf, ha firmato un accordo per l’equiparazione contrattuale tra uomini e donne, un’apertura «totale» al calcio femminile che si configura come un esordio per le grandi società del panorama europeo. Un passo decisivo verso il professionismo, uno dei grandi temi del Mondiale svoltosi in Francia tra giugno e luglio, il più seguito di sempre, al quale la norvegese Ada Hegerberg, l’ultima vincitrice del Pallone d’Oro, non aveva partecipato proprio per protestare contro la disparità di trattamento.

L’equiparazione contrattuale non riguarderà gli stipendi delle calciatrici, ma solo per ora. Uomini e donne al momento non guadagneranno le stesse cifre, ma questa svolta mette le basi perché un giorno l’uguaglianza possa essere anche economica. «Con questo accordo collettivo possiamo fare un altro passo in avanti verso il professionismo – ha commentato Daphne Koster, responsabile della sezione femminile dell’Ajax -. Spero che altri club seguano il nostro esempio. Finora potevamo firmare soltanto contratti della durata massima di due anni e una tesserata poteva andarsene anche a metà stagione. Questo accordo cambia completamente le cose».

L’Ajaxsegue così le tracce della Federcalcio olandese che, prima del Mondiale, aveva annunciato la realizzazione della parità salariale per calciatori e calciatrici convocati a indossare la maglia oranje. Un processo di equiparazione in più tappe che si concretizzerà definitivamente nel 2023. Chiaramente è più facile gestire le cifre per un gettone di presenza in Nazionale, e i premi per gli eventuali successi – l’Olanda è stata battuta dagli Stati Uniti nella finale di Francia 2019 – che i contratti a livello di club privato.

ERA ORA CHE SI COMINCIASSE CON LA PARITA’ DI GENERE!!!!!!!!!!!!!!!

 

 

Tre realtà, diametralmente opposte.

39391342_1775329885915452_2011102540678037504_n

Succede spesso nelle famiglie, da un lato è un vantaggio per l’ operatore sociale perchè ha lavoro da sbrigare, dall’altro però, non è mai bello vedere un soggetto della terza età, che si separe per ovvi motivi dalla famiglia.

FB_IMG_1530277443711

si dice che è il mestiere più difficile che esista fare il genitore… e non aggiungo altro.

66801639_2116758015118853_2470727203139092480_n

Una fede calcistica nata nel lontano 1996 o giu di li…

FIFA WOMENS WORLD CUP

donne_okL’ anno 2019 sarà ricordato come l’ anno in rosa, come l’ anno in cui finalmente, il calcio femminile si mette in mostra. In codesto anno in francia, si svolge il campionato mondiale di calcio femminile, vinto come da pronostico dagli USA. E’ stato un mondiale molto seguito, a detta del Presidente Infantino, il più seguito della storia, con ascolti record. Un evento che ha giovato su tutte, che ha dato la visibilità al calcio femminile che serviva. Tutto ben organizzato, nei minimi dettagli, per far si che tutti apprezzassero le doti delle ragazze che giocano a calcio, perché è giusto che hanno loro dimostrino quanto valgono.

In questo mondiale, è andato tutto o quasi, come da pronostico, le 3-4 nazionali candidate alla vittoria finale hanno fatto la loro parte per come hanno potuto, soprattutto gli USA, che hanno vinto tutte le patite a disposizione, anche lo scontro diretto con la francia ai quarti, e di li a poco, hanno messo l’ ipoteca sulla vittoria finale. Certo qualche delusione ci sarà stata, poco è poca cosa, in confronto allo spettacolo messo in mostra sul campo dalle nazionali.

 

Complimenti a tutte, in primis all’ italia, alle nostre azzurre mondiali, che per essere al primo mondiale dopo qualcosa come 20 anni di asenza, ed arrivare tra le prime 8 del mondo, è una gran cosa.

 

AVANTI COSI’ AZZURRE!!!!!!!!!!!!!!!

Ciao mondo!

Questo è un articolo (o post) di esempio per il tuo nuovo blog su MyBlog 🙂
Puoi modificarne titolo o testo, inserire immagini e video o, se vuoi, cancellarlo.
Inizia subito a scrivere sul tuo blog ciò che più ti piace e ti interessa, pensa alle persone che lo leggeranno (da pc, da smartphone e da tablet) e buoni post!
Altre informazioni nella guida. Per vedere gli altri blog vai qui.